Una borsa di studio in ricordo di Raffaella Esposito Alaia: l’iniziativa del Consiglio degli Psicologi

Una borsa di studio in ricordo di Raffaella Esposito Alaia: l’iniziativa del Consiglio degli Psicologi

A meno di un anno dalla tragica scomparsa di Raffaella Esposito Alaia, giovane operatrice sociale anastasiana che, sul litorale di Capaccio, perse la vita in acqua nel tentativo di mettere in salvo due bambini che stavano annegando, il Consiglio degli Psicologi della Campania ha approvato l’organizzazione per il prossimo venerdì 2 marzo 2018 di un momento di commemorazione della collega e l’istituzione di una borsa di studio, donata proprio lo stesso giorno, ad un ospite della Comunità in cui la collega lavorava per il sostegno allo studio. «I colleghi della scuola di formazione che frequentava e i colleghi della casa famiglia in cui lavorava ha dichiarato la presidente dell’Ordine Antonella Bozzaotrami hanno chiesto di realizzare una commemorazione e ho subito pensato di accettare questa richiesta e sottoporla al Consiglio». «Il sacrificio di Raffaella ha rappresentato un gesto eroico coerente con il suo modo di essere e di intendere la sua professione in ogni momento, – hanno dichiarato i consiglieri e colleghi Luigi Iovino ed Angelo Rega che hanno avuto modo di conoscerla e di collaborarci – per questo è necessario che il suo gesto non sia mai dimenticato; ricordare Raffaella può essere un momento per ricordare, al di là degli aspetti tecnici, l’aspetto umano del nostro lavoro». Lo scorso novembre, l’Amministrazione Comunale di Sant’Anastasia, paese di Raffaella, ha espresso la volontà di dedicarle una sala della biblioteca comunale, che accoglierà anche la targa dedicata al suo gesto eroico, affinché il suo attaccamento allo studio, al lavoro e al dovere civile sia di esempio ai tanti giovani studenti che frequentano la struttura.

Questo sito web utilizza i cookie. Cliccando su Accetto dichiari di accettare e acconsentire ad utilizzare dei cookies nel rispetto della normativa europea. Maggiori informazioni | Accetto